gran fondo del Prosecco… sotto la pioggia

Le classiche autunnali: g.f. Prosecco

Entriamo nel periodo delle “classiche” autunnali, ovvero come per i professionisti, la “classica delle foglie morte”, il celebre Giro di Lombardia, rappresenta l’ultima grande gara della stagione, anche nel campo amatoriale, nel periodo che va da fine settembre ai primi di ottobre si disputano le ultime gran fondo del calendario nazionale.
Tra queste, la gran fondo del Prosecco è sicuramente tra le più blasonate.
Domenica 29 settembre, in quel di Valdobbiadene ( Tv ), si è corsa la decima edizione della corsa delle bollicine, più conosciuta come Prosecco Classic; una gara che negli ultimi anni è riuscita a diventare un classico, tanto che nelle ultime edizioni, spesso ha portato ai nastri di partenza quasi duemila atleti.
Quest’anno il tempo è stato inclemente, tanto da far ricredere molti iscritti al non partire; tra i poco più di 800 atleti che hanno deciso ugualmente di prender parte all’evento, anche due nostri portacolori: Mauro Camuffo e Paolo Bevilacqua.
Due i percorsi preparati per i partecipanti: uno lungo di 114 km e uno più corto di 71 km.
Per i nostri due colleghi, una volta deciso di partire, non c’è stata nessuna esitazione: bagnati per bagnati si corre per il lungo.
Nonostante la pioggia, partenza a tutta per un continuo su e giù per le colline intorno Valdobbiadene, cominciando subito dopo la partenza con il Combai. Il gruppo si sgrana subito e pochi, tra cui i nostri, riescono a tenere il ritmo indiavolato dei primissimi, che nonostante l’acqua corrono di gran lena.
Decisivo il muro di Cà del Poggio: uno strappo molto duro con pendenza costante in doppia cifra, dove è stato d’obbligo salire da seduti, in quanto sul bagnato era impossibile salire in piedi sui pedali, causa lo slittamento della ruota posteriore.
Prima dell’arrivo ancora la salita di Arfanta, per poi concludere la fatica con il meteo che nel frattempo si era trasformato in un timido sole.
Buona la prestazione dei nostri portacolori: Mauro, nonostante due scivolate che gli hanno fatto perdere il gruppo dei primi classificati, si è classificato al 66° posto assoluto, chiudendo in 3h46’, arrivando tra l’altro 8° di categoria; Paolo in 4h10’ è giunto comunque nella prima metà del gruppo chiudendo all’11° posto di categoria.
Anche se il meteo non è stato dei più favorevoli per intraprendere una gran fondo, i colori del Team Isonzo si sono comunque distinti per grinta e tenacia.

B:G:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi