Amatori 2007

 

29-11-2007 22:52

strada

IIa Prova Campionato d’inverno Cross Cauntry
Duino Aurisina 25/11/ 2007

I° Trofeo Dario Milic impianti elettrici

MTB
25.11.2007 Duino Aurisina
1° TROFEO “MILIC DARIO” IMPIANTI ELETTRICI

Il , in collaborazione con il Team Isonzo Ciclistica Pieris,
hanno organizzato domenica 25 novembre la seconda prova del campionato
d’inverno di MTB, svoltasi in località Sistiana Visogliano (TS).
Si sono presentati al nastro di partenza ottantotto atleti provenienti oltre che
dalla nostra Regione anche dal vicino Veneto e dalla Slovenja.
Sebbene durante la notte la pioggia è caduta copiosamente e l’acqua filtrata
nel sottosuolo carsico abbia lasciato un limo che rendeva difficile il
controllo della bicicletta, è stata una manifestazione spettacolare e ricca di
colpi di scena.
Il percorso di quattro chilometri si snodava sull’altopiano carsico sopra lo
stadio di calcio di Visogliano, quasi interamente su strade forestali e
prevedeva prima dell’arrivo un tratto di single track, con un dislivello totale
di 83 metri.
La prima prova vedeva impegnata la categoria dei Master (atleti con più di 30
anni) per la quale erano previsti 5 giri dell’insidioso tracciato. Tra i Master
5, Luciano Livon  del Team Isonzo amatori si piazzava in terza posizione. Alla
gara prendeva parte il Campione Italiano 2007, vice Campione Europeo, e vice
Campione Mondiale della categoria Master 6 Gianni Del Zotto; sfortunata la sua
prova in quanto doveva ritirarsi causa un guasto meccanico. Nell’intervista di
rito, Del Zotto dichiarava che il percorso non dava respiro, in quanto molto
veloce e tecnico causa la pioggia caduta nella nottata.
Nella seconda gara partivano le restanti categorie agonistiche; assieme agli
elite (open) partivano i Mastersports. Per il secondo anno consecutivo vinceva
sia la prova di categoria che il trofeo “Milic Dario” impianti elettrici (con
il miglior tempo assoluto) l’ex elite  David Bevilacqua. Al terzo posto si
piazzava, dopo una gara combattuta fino all ultimo giro, il begnamino di casa
Christian  Leghissa, supportato da un tifo da stadio.
Per il Team Isonzo Ciclistica Pieris gareggiavano nella categoria Esordienti il
vice Campione Italiano e Campione Regionale  MTB  2007, Denis Milic, assieme
a Federico Nocent e Marco Folla, Campione Regionale pista Corsa a punti. Per
questi atleti c’era il confronto con gli Juniores, Allievi, Donne Juniores tra
le quali l’atleta della Nazionale Slovena, Polona Batagelj, e donne
Masterwoman, accomunati da partenza congiunta.
In questa gara il percorso era reso ancora più scivoloso dopo i molti passaggi
della precedente batteria: a farne le spese prima Federico Nocent, poi Marco
Folla caduti poco dopo il via.
Denis Milic (Team Isonzo Ciclistica Pieris) dominava nella categoria degli
Esordienti e si piazzava  3° assoluto dietro a due Juniores.
Le prime società classificate sono state Acido Lattico Team, prima con 24
punti, KI.CO.SIS seconda con 20, Ciclismo Buttrio terza con 12 punti.
Alla premiazione svolta nell’Agriturismo Pernarcich Ivan di Visogliano a cui va
il ringraziamento degli organizzatori, oltre allo sponsor Dario Milic erano
presenti il Sindaco del Comune di Duino  Aurisina, Giorgio Ret, coadiuvato dal
Vicesindaco e assessore allo sport Massimo Romita, dal Consigliere e
Presidente della consulta giovani Giuliano De Vita, il Sindaco di San Pier
d’Isonzo Claudio Bignolin.
Per la Federazione Ciclistica Italiana, ha presenziato il Consigliere Regionale
con delega per il fuoristrada Flavio Tomasin.
Speaker d’eccezione, il Presidente Provinciale F.C.I. di  Gorizia Renato
Bagolin.

05-11-2007 23:10

strada

Fausto Coppi 2007

“Avventura in Piemonte: la Fausto Coppi”
di Gianni Beraldo e Diego Spagnolli

Ore 4:30 di domenica 2 luglio, suona la sveglia, ma non serviva, guardiamo fuori dalla finestra : tutto ok. Ieri sera siamo arrivati dal Friuli qui a Boves ed oggi è il grande giorno della “Fausto Coppi”. Io e Diego ci prepariamo, ma le nostre maglie del Team Isonzo rimangono in borsa, è obbligatorio usare quella raffigurante il mitico Fausto.
Colazione veloce e partiamo per Cuneo. Eccoci in piazza Galimberti, dopo aver tanto sognato e preparato questo giorno. Partenza: nei primi km si susseguono il facile Montemale e Coletto di Rossana, sino ad arrivare al km 75 a Sampeyre, da qui cominciano i 17 km che ci portano ai 2284 mt del Colle di Sampeyre.
Quello che ci colpisce è la sua regolarità. Veloce discesa e arriviamo a Stroppo.
Ora rifiatiamo perché la prossima sarà dura. A ponte della Marmora cominciano i 23 km che porteranno sulla Fauniera o meglio Colle dei Morti.
La prima parte è più dolce, ma poi la pendenza aumenta con una rasoiata al 15% al km 12, ora fa anche caldo e per arrivare al Colle D’Esischie 2370 mt è davvero dura, ma il vero calvario sono gli ultimi 2 km, quasi in sterrato, per arrivare al monumento di Pantani, posto ai 2481 mt del vallico. Sosta per foto di rito.
La presenza di Diego è di grande aiuto e nonostante la mia stanchezza iniziamo la lunga picchiata verso Demonte attraverso il Colle Valcavera a 2416 mt.
Arrivati a Valdieri cominciamo l’ultima salita della giornata.
Provvidenziale la fontana all’inizio della salita, dove metto sotto la testa per rinfrescarmi. Diego mi aspetta, mi incoraggia, ma questi ultimi 6 km con pendenza media dell’ 8,8% con passaggi al 18% sono duri. Finalmente, quando valichiamo a 1304 mt la Madonna del Colletto, so che ormai è fatta.
Al termine della discesa, gli ultimi 15 km sono condotti a gran ritmo . Siamo alle porte di Cuneo, ecco il traguardo, ce l’abbiamo fatta.
Dopo una notte di sonno, riusciamo a recuperare le nostre energie.
Decidiamo di tornare a casa nel pomeriggio, quindi abbiamo a disposizione tutta la mattinata per regalarci un’altra “perla”. In auto raggiungiamo Vinadio.
Vogliamo affrontare il lungo e difficile Colle della Lombarda.
I numeri parlano chiaro, circa 22 km con pendenza media del 6,8%, ma con alcuni passaggi molto ripidi. Subito una serie di 9 tornanti che ci portano all’imbocco del vallone di S. Anna, poi si susseguono cambi di lato, tratti dritti, tornanti, altopiano, si intravede il Santuario di S. Anna, il paesaggio si apre, si sale ancora, negli ultimi km la meravigliosa cornice di un bel laghetto alpino con le marmotte e scolliniamo ai 2350 mt del Colle della Lombarda che segna anche il confine con la Francia.
Uno sguardo in giro ……… che maestosità le Alpi!
Possiamo giudicarla come una delle nostre ascese più belle. Fantastico il suo continuo cambio di paesaggio. Per un lungo momento rimaniamo ad ammirare il circolare orizzonte alpino. In discesa riprendiamo la strada e dopo 8 km siamo al bivio con il Santuario di S. Anna che decidiamo di raggiungere. Sono 2,3 km molto impegnativi per salire ai 2010 mt del Santuario più alto d’ Europa.
Doveva arrivarci il “Giro” qualche anno fa, un gran peccato averci rinunciato.
Felici, raggiungiamo l’auto. E’ giunta l’ora di rientrare in Friuli con un bellissimo ricordo: un’ esperienza fantastica, due giorni che non dimenticheremo……..
due amici, due bici, le grandi montagne!

Gianni Beraldo

21-08-2007 22:35

MTB

Rampitour Italia 2007

Luciano Livon Campione Italiano categoria Master 5 Rampitour Italia 2007

Il nostro portacolori Luciano Livon si è laureato, il 5 agosto 2007 alla “Superrampibike” di Giulianova (Teramo), Campione Italiano categoria Master 5 di Mtb specialità Cross Country, riservato agli atleti tra i 50 e i 54 anni. Lo stambecco di Aiello del Friuli ha indossato la maglia di leader fin dalla seconda prova e con tenacia e classe è riuscito a tenerla fino alla prova conclusiva di Giulianova.
Il “Challenge” che è partito nel mese di aprile da Velletri (Roma),ha toccato varie regioni italiane quali: Sardegna, Umbria, Toscana, Emilia Romagna, Lombardia, Trentino e Veneto, per finire appunto in terra di Abruzzo con la Superrampibike di Giulianova. Al via di questo Giro d’Italia in Mtb, quasi 10.000 atleti divisi nelle varie categorie che si sono dati battaglia in percorsi al limite dell’estremo. Premiazioni e passerella finale il 19 settembre alla Madre di tutte le Granfondo: La “Rampilonga” di Moena Val di Fassa.
Grandissima soddisfazione da parte del Team Isonzo Amatori per questo ambito traguardo raggiunto dal nostro portacolori, che senza dubbio alcuno darà lustro e notorietà nella stagione a venire. Prossimo impegno (questa volta su strada) per il nostro atleta il 23 agosto al Campionato Mondiale Master di S. Johann in Tirolo.
Auguri Luciano!
                                                   Piz.62

15-08-2007 17:57

strada

Cronoscalata Monte Sabotino 2007

Leghissa si aggiudica la seconda edizione della Cronoscalata Monte Sabotino.

Ad essere sinceri, visto il numero dei partecipanti ( 44 n.d.r.) e il successo della scorsa edizione, tanto noi come Team Isonzo Amatori quanto tutto il comitato organizzatore ci si aspettava quantomeno una conferma,  ma purtroppo così non è stato. Vuoi le previsioni non molto confortanti del tempo,il periodo di ferie e magari qualcuno che si è ricordato della fatica dell’anno prima, fatto è che sabato 11 u.s. solamente 21 concorrenti si sono sfidati contro il tempo nella seconda edizione della cronoscalata del monte Sabotino. La prova in salita, che prevedeva il superamento di un dislivello di 381m  su un percorso di quattromila e trecento metri con pendenze del 15% condite da  tratti superiori al 22%, potrebbe ( è speranza del Team) diventare un appuntamento importante e da non perdere, per tutti i “salitomani” appassionati di  corse estreme. La gara è stata organizzata dall’ TEAM ISONZO AMATORI in collaborazione con l’assessorato allo Sport del Comune di Gorizia, la Brigata di Cavalleria Pozzuolo del Friuli, la Protezione Civile e il comitato di quartiere “Sabotin” che con grande impegno oltre al resto, si è prodigato per assicurare il pasta party finale. Senza voler essere profani o dissacranti, ogni partecipante ha vinto una seppur piccola battaglia con se stesso e il fatto di non aver appoggiato il piede a terra nel raggiungere i 553 m di altitudine della Casermetta posta all’arrivo, è già motivo di orgoglio personale.  
Sono state notevoli le prestazioni sportive di tutti i partecipanti, con i primi tre classificati assoluti che nell’ordine sono stati:1) LEGHISSA Cristian (Ovan Team Bike) 17.19.30 2) TERPIN Giuseppe (Amis di Adorgnan) 18.18.20  – 3) DEIURI Stefano (Team Isonzo Amatori Udace) 18.26.32. Primo di categoria Master 8, il nostro (e lo teniamo stretto) “nonno-volante” del Team Isonzo Amatori FRANTI Giorgio classe 1941, con il ragguardevole tempo di 23.11.26, come anche TOSO Dario (Team Isonzo Amatori Udace) 23.31.30 e LIVON Luciano (Team Isonzo Amatori Udace) 21.54.00 anche loro primi nelle rispettive categorie.
Elisabetta Del Monaco quest’anno non è stata della partita per problemi di natura personale, peccato perché tutti noi del Team contavamo sulla sua presenza per tenere alto il valore della manifestazione.
                                                 Piz.62
   
1    Leghissa    Christian    MS    Ovam vry Bike    17.19.30

2    Terpin    Giuseppe    M3    Amis di Adorgnan    18.18.20

3    Deiuri    Stefano    M1    Team Isonzo Udace 18.26.32

4    Miani    Stefano    M4    ASD UC Cividalesi    18.59.13
5    Berlasso    Bruno    M6    DLF Udine Bandiziol    19.13.00
6    Effarotti    Giuliano    MS    GS Buttrio    19.16.00
7    Zuliani    Fabio    M3    CUS Udine    19.26.04
8    Bastiani    Mauro    M3    ASF Free Spirit Team    19.30.00
9    Pizzutti    Sergio    M4    Amis di Adorgnan    19.35.50
10    Zaninotto    Fabiano    M1    UC Da Poldo    20.00.46
11    Hvalic    Massimo    M2    Bike Team Carso    20.26.25
12    Dureghello    Angelo    M2    SC Cottur    21.35.00
13    Livon    Luciano    M5 Team Isonzo Udace    21.54.00
14    Tumiotto    Ivan    M6    ASD GS Orsaria    22.16.00
15    Marassi    Giovanni    M4    Bike Team Carso    22.42.08
16    Famea    Fabrizio    M3    UC Caprivesi    23.05.00
17    Franti    Giorgio    M8    Team Isonzo Udace    23.11.26
18    Toso    Dario    M7    Team Isonzo Udace    23.31.30
19    Giugovaz    Luca    M1    SC Cottur    24.18.00
20    Vecchiato    Gianfranco    M6    US Pontoni    25.04.57
21    Virgolini    Luigi    M6    UC Da Poldo    26.59.32

15-08-2007 17:35

strada

Maratona delle Dolomiti 2007

Grande presenza del Team Isonzo Amatori alla manifestazione della Val Badia.

Anche quest’anno, come del resto negli anni passati succedeva con il vecchio sodalizio della
G.S  Roby Calzature dell’ex  presidente Roberto Farnè, grande partecipazione da parte del Team Isonzo Amatori alla kermesse della Maratona delle Dolomiti 2007.
In questa edizione della classica granfondo della Val Badia, una quarantina di atleti del Team si sono iscritti alla corsa. La manifestazione è stata il pretesto, come già negli anni scorsi, per un raduno di soci e foto finale con gli sponsor. Il gruppo era capitanato dai nostri atleti più rappresentativi quali Renzo Gregorin e Fulvio Marizza, reduci dalla massacrante Parigi Roubaix
(dove il nostro Renzo è ormai di casa)  che hanno anche conseguito il brevetto “Nobili delle Granfondo”, Gianni Bearzot  al decimo scudetto consecutivo proprio alla fine della gara, Elisabetta Del Monaco già Campionessa Regionale uscente e ormai in dirittura d’arrivo a conseguire il secondo scudetto del Prestigio,Giorgio Franti Campione regionale di categoria Dario Toso e Luciano Livon  1° di categoria a livello Nazionale nella classifica  Rampitur 2007.
Per il prossimo anno la speranza è di incrementare il numero di iscrizioni alla manifestazione di Corvara, visto anche la crescente richiesta di adesioni al Team Isonzo Amatori.
Un ringraziamento d’obbligo agli sponsor Mobili Rosin di Campolongo al Torre e la BCC di Turriaco per la loro collaborazione.

10-07-2007 23:05

MTB

Campionato Regionale MTB Cross Cauntry
Medea (Go) 5 Agosto 2007

1° Trofeo Mobili Olinto Rosin
    Campolongo al Torre (Ud)

Domenica 05 Agosto, si è svolto sul selettivo circuito del colle di Medea,
il 1° Trofeo “Mobili Rosin “ di mtb specialità cross country riservato alle categorie Open, Junior e Master, valido per l’assegnazione delle maglie di campione regionale 2007.
In una splendida giornata di sole, 90 partenti divisi nelle varie categorie maschili e femminili, si sono dati battaglia sui cinque giri dell’impegnativo e inedito anello di gara, che si snoda sul colle dominato dall’Ara Pacis. Già nel giro di lancio, i vari gruppi si sono frazionati, e alla fine della prima tornata le posizioni di testa si erano quasi definitivamente delineate. Primo assoluto è giunto fra i maschi l’ex nazionale  Cossio, che ha vinto nettamente rispolverando la forma dei tempi migliori. Purtroppo il forte corridore portacolori del Team 53.3 non ha potuto indossare la maglia di campione regionale Master Sport in quanto  nella sua categoria non hanno portato a termine la prova almeno tre partecipanti (regola sicuramente da rivedere).
Fra le donne prima assoluta e vincitrice della maglia di campionessa regionale Master Woman, si è imposta Monica Dal Pos del Gold Team mentre fra gli Junior con una splendida  prova  il  portacolori del Danieli Team Isonzo Andrea Bravin ha indossato l’ambita maglia di campione regionale.
Una sola caduta, spettacolare ma  fortunatamente senza conseguenze serie e dovuta ad un attimo di disattenzione è la nota stonata di tutta la competizione che si è svolta senza problemi e in massima sicurezza.
Tutto questo, merito di un scrupoloso impegno da parte del Team Isonzo Amatori e la collaborazione del personale della Croce Blù di Ronchi dei Legionari.
Il bilancio consuntivo per la società, che era alla prima organizzazione in competizioni della Mtb,
si è chiuso più che positivamente e di sicuro darà stimolo ed entusiasmo per l’edizione 2008.
Questo successo va diviso naturalmente fra i responsabili e i soci del Team, che si sono prodigati perché tutto si svolgesse al meglio. Menzione speciale (e dovuta) a Davide Frontebasso e Alessandra Grosso (responsabili Team per la Mtb) che hanno contribuito, da biker esperti, in manira fondamentale all’organizzazione e alla non facile scelta del percorso.
Il Team Isonzo Amatori ringrazia tutti gli sponsor con una citazione d’obbligo al Mobilificio Rosin di Campolongo al Torre e al suo titolare signor Michele, per la collaborazione e l’aiuto (anche fisico!) prestato. Doverosi e non meno importanti i ringraziamenti all’amministrazione comunale di Medea e in primis al sindaco Bergamin per la grande disponibilità data e a tutto lo staff del Calcio Medea, che hanno contribuito in maniera encomiabile alla riuscita della manifestazione mettendo a disposizione l’impianto sportivo per docce, cucina e chiosco.

ARRIVEDERCI ALL’EDIZIONE 2008   

                                                   Piz.62

CAMPIONI REGIONALI XC 2007
           
BRAVIN    ANDREA    JU DANIELI TEAM ISONZO
CIANI    FEDERICO    Open UC CAPRIVESI
DAL POS    MONICA    MW GOLD TEAM
SNIDARO    LUCA    M1 GS. CICLISMO BUTTRIO
MARCON    MASSIMO    M2 BIKE TEAM 53.3
PETRUCCO    VITO    M3 ASD ACIDO LATTICO TEAM
INGUSCIO    MAURIZIO    M4 GS. CICLISMO BUTTRIO
DEL FABBRO GIORGIO    M5 DELIZIA BIKE

21-04-2007 22:55

strada

Cronaca dall’inferno del nord

Giro delle Fiandre 2007

Diciotto cotes, strappi brevi ma con pendenze durissime che tagliano le gambe, tratti di pavè dove braccia e schiene vengono messe a dura prova e poi fatica, tanta fatica su quei 260 km che separano Brugge da Ninove in Belgio.
I 260 km che hanno consacrato i miti del ciclismo di ogni tempo.
I 260 km del Giro delle Fiandre, in fiammingo La Ronde van Vlaanderen.
Sedicimila cicloamatori ( ma il numero era di gran lunga superiore) si sono dati battaglia sui tre percorsi del Fiandre 2007.
A rappresentare il Team Isonzo Amatori il nostro Gianni Bearzot, che ha concluso la prova sul percorso lungo (260 km) in  8 ore e 30 minuti alla media di 30 kmh.
Per chi ancora non lo conoscesse, Gianni non è nuovo a questo tipo di imprese, ( nel 2007 porterà a termine il 10° “Prestigio”consecutivo! n.d.r.) infatti  già nel 2005 aveva difeso i colori del disciolto ma mai dimenticato Team “Roby calzature” di Turriaco, alla Liegi-Bastogne-Liegi. L’esperienza senzaltro positiva della Liegi, ha fatto sì che a distanza di due anni abbia deciso di prepararsi per sfidare un altra grande classica del nord.
Chi vi scrive è un po di parte,data l’amicizia che mi lega a Gianni, ma penso sia opinione di tutti nel testimoniare la passione la tenacia e la grande forza fisica che lo contraddistingue.
La gestione quasi maniacale degli allenamenti e una buona alimentazione,gli hanno permesso quest’anno di avere una condizione fisica, a suo stesso dire, migliore di sempre. Ma torniamo alla corsa.
Alla partenza il tempo non promette bene.
Nuvoloni e un po di freddo, consigliano gli atleti di coprirsi bene.
Le partenze sono scaglionate in più orari data la foltissima partecipazione. Come sempre si parte a tutta anche perchè i primi muri arriveranno quasi a metà gara:
<< all’inizio in pianura sui tratti di pavè e sui primi strappi, ho fatto fatica anche perchè non riuscivo a trovare i giusti rapporti. Poi via via che passavano i km e le salite,alimentandomi bene e trovate le giuste regolazioni, ho avuto sempre più la consapevolezza di concludere bene e in crescendo la prova.
Sul pavè del mitico Grammont sono salito benissimo tanto che una volta scollinato, mi sono messo davanti al mio gruppo e ho tirato quasi fino all’arrivo.>>
C’è da aggiungere anche un imprevisto che ha condizionato non poco l’esito finale della prova di Gianni:<< dopo un rifornimento, mi sono unito ad un bel gruppo e vuoi per l’inesperienza, vuoi per la segnaletica poco visibile, abbiamo sbagliato strada allungando il percorso di circa 10 km.>>
All’arrivo comunque tanta soddisfazione, diploma maglia foto ricordo e cosa per lui più gradita il bacio della moglie Manuela.
A nome di tutto il Team Amatori:
grazie Gianni!               

10-04-2007 08:37

strada

Prestigio 2007: finalmente si parte!

Gran fondo Selle Italia Cervia

E’ iniziata ufficialmente con l’11.esima Gran fondo Selle Italia di Cervia,la stagione 2007 del TEAM ISONZO AMATORI.
A tenere alto il nome del Team, nato dalle ceneri del glorioso ROBY CALZATURE dell’ex presidentissimo Roberto Farne, un gran numero di cicloamatori frà i quali spiccano i nomi dei pluriprestigiosi Renzo Gregorin (10 volte) Gianni Bearzot (9 volte) Fulvio Marizza (5 volte)Giorgio Franti campione provinciale UDACE di categoria e dulcius infundus Elisabetta Del Monaco più volte campionessa regionale e provinciale UDACE di categoria. Nel 2006 Elisabetta ha anche portato a termine, con grande determinazione e la solita grinta che la contraddistingue, le prove necessarie a conseguire il suo primo, nonchè ambito scudetto tricolore.
Con la prova di Cervia inizia il “Prestigio 2007”.
Ai nastri di partenza della Gran Fondo Selle Italia 5000 granfondisti per un percorso: corto (km. 70 dsl. 515 mt.), medio ( km.100 dsl.1005 mt.) e uno Gran Fondo di Km. 152 dsl.2220 mt. Un percorso lungo impegnativo ma non impossibile ( distanze e dislivelli disumani devono ancora arrivare) vedeva i granfondisti affrontare salite come il Ciola (7 km pend. mass.13%) e il Monte Cavallo ( 8 km pend.mass. 15%) GPM della corsa.
La vittoria è andata come da copione all’ex “pro” il lituano Raimondas Rumsas in 4h.02.26 alla media di 37,12 Kh.
Ottimamente si sono comportati i nostri due portacolori Gianni Bearzot ed Elisabetta Del Monaco, classificatisi rispettivamente nell’ordine:
345° assoluto e 124° di categoria in 4h.55 alla media di 30.37 Kh.
798° assoluta 21° ass.ta donne e 10° di categoria in 5h.21 alla media di 27,97 Kh.
Dei 5000 partenti in 1892 hanno concluso il percorso lungo, da questo dato si ricavi il valore dei piazzamenti dei nostri portacolori, alla prima prova importante della stagione. La mancanza del sole e qualche breve scroscio di pioggia in quota, non hanno di certo rovinato una splendida giornata di sport;
Elisabetta<< tutto sommato sono soddisfatta della mia prova anche perchè la condizione non è ancora ottimale.
Ho faticato un po in salita ma alla fine il bilancio è più che  positivo anche in prospettiva delle prossime e impegnative Gran Fondo>>. Per Gianni Bearzot, che ha appena partecipato al Giro delle Fiandre,(di cui documenteremo  prossimamente) una prova da incorniciare rovinata però da una quasi caduta nei Km finali e che gli hanno fatto perdere le ruote del gruppo facendolo terminare la gara in solitaria (e controvento).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *